29 maggio - 25 anni fa Dave Gahan dei Depeche Mode moriva per due minuti...


Com'è la vita dopo la morte? Se sei il cantante dei Depeche Mode, Dave Gahan, vuol dire continuare a suonare nei concerti e scrivere canzoni. Ma dal 28 maggio 1996, quando è stato tecnicamente e praticamente morto per overdose per un paio di minuti, Gahan non ha guardato più nulla allo stesso modo. Il frontman era a Los Angeles al Sunset Marquis Hotel quando si è fatto una dose eccessiva di speedball, una combinazione di eroina e cocaina. Al risveglio, ha chiesto al paramedico se avesse nuovamente subìto un'overdose. "No, David, sei morto", ha risposto il paramedico, come raccontato da Gahan al Chicago Tribune . "Il tuo cuore si è arrestato per un paio di minuti. In realtà eri morto.” In seguito, un amico lo informò che era stato rianimato per tre volte. "Sono rimasto pulito per alcune settimane quando sono tornato [a Los Angeles] da New York, dove stavo lavorando con la band", ha detto Gahan al Los Angeles Times . “Quella sera sono andato fuori e mi sono sparato a uno speedball. Il pusher che mi ha venduto quella roba era appena andato via e subito dopo sono diventato verde. Fortunatamente, c'era qualcuno con me e ha chiamato il 911". La sua morte momentanea è arrivata a meno di un anno dopo un tentativo fallito di suicidio. A seguito della sua overdose, Gahan è stato arrestato, incarcerato e costretto a un programma di recupero imposto dal tribunale che includeva un anno di consulenze psicologiche obbligatorie e test antidroga obbligatori. Da allora è sobrio. "Quello che ho provato davvero è stata questa sensazione travolgente che tutto ciò che avevo fatto a me stesso era chiaramente sbagliato", ha detto Gahan al Rolling Stone nel 2005 a proposito di quell’esperienza. "Tutto quello che ho visto veramente è stata l'oscurità. Ero ormai spacciato". Quell'oscurità potrebbe aver influenzato il successivo album dei Depeche Mode, Ultra del 1997. Il compagno di band di Gahan, Martin Gore, ha dichiarato al Chicago Tribune che l'incidente di pre-morte ha portato "a un paio di momenti in cui sembrava molto improbabile che fossimo andati avanti". Sia Gore che Gahan si erano immersi in mondi di eccessi durante e dopo il tour del 1994 della band a supporto di “Songs of Faith and Devotion”. I Depeche Mode avevano bisogno assolutamente di una pausa, ed erano anche incerti sul loro futuro perché Alan Wilder, che suonava i sintetizzatori nella band, decise di andarsene. Anche se i membri rimanenti si sono poi riuniti per registrare Ultra, non sono andati in tournée a sostegno dell'album. Gahan sentiva di essere ancora troppo fragile nella sua sobrietà, e le tentazioni di un Tour sarebbero state troppe. All'epoca il tastierista dei Depeche Mode Andy Fletcher disse a MTV che “il Songs of Faith and Devotion Tour aveva quasi distrutto la band". "Penso che i nostri fan più vicini sappiano cosa abbiamo passato", ha detto. "Penso che capiscano che non siamo fisicamente in grado di andare in tournée in questo momento". Da quel momento il cantante, frontman, Dave Gahan ha ribadito con sincerità sulla sua morte al Guardian nel 2007. "Quando sono morto, c'era solo oscurità ....Nei due minuti in cui il mio cuore si è fermato, ricordo questa voce enorme dentro di me che ha detto: “Questo è sbagliato.”- “These is Wrong” - Come se non potessi scegliere io quando farla finita. Mi sono spaventato a morte".

225 visualizzazioni0 commenti