12 Ottobre - Paul McCartney afferma che John Lennon ha "provocato" la rottura dei Beatles


Paul McCartney ha messo le cose in chiaro per quanto riguarda lo scioglimento dei Beatles . Peccato, però, che lo abbia fatto solo oggi che non è più possibile il contraddittorio con John Lennon. “Non sono stato io a provocare la scissione. Quello è stato il nostro Johnny che è arrivato un giorno e ha detto: “Lascio il gruppo'", ha spiegato il rocker, riferendosi al suo leggendario compagno di band, John Lennon. Mentre, in realtà, diversi fattori hanno avuto un ruolo nella scomparsa definitiva dei Beatles, molte persone hanno attribuito la responsabilità a McCartney. Dopotutto, è stato l'uomo che ha chiamato gli avvocati per risolvere le controversie della band, ed è stato McCartney che per primo ha comunicato pubblicamente lo scioglimento della band mentre promuoveva il suo LP solista del 1970. Tuttavia, in una nuova intervista, rilasciata tre giorni fa, alla BBC Radio 4 (pubblicata il 10 Ottobre 2021 sul Guardian ), Sir Paul ha insistito sul fatto che la decisione finale fosse in realtà arrivata da Lennon. "Questa era la mia band, questo era il mio lavoro, questa era la mia vita, quindi volevo che continuasse", ha spiegato McCartney, aggiungendo che i Beatles stavano ancora facendo "roba piuttosto buona" nel momento della loro rottura. “Non sono la persona che ha provocato la separazione . Eh no, no, no. Un giorno John è entrato in una stanza e ha detto che lasciava i Beatles. È questa una provocazione verso la rottura o no?" "la verità era che John stava facendo una nuova vita con Yoko", ha continuato McCartney. "John ha sempre voluto liberarsi dalle responsabilità perché, sai, è stato allevato da sua zia Mimi, che era piuttosto repressiva, quindi cercava sempre di ribellarsi e liberarsi". Paul ha inoltre spiegato all'intervistatore John Wilson che John Lennon ha visto la rottura come "piuttosto un divorzio", mentre il resto dei Beatles è stato "lasciato lì a raccogliere i pezzi". Anche dopo che la decisione era stata presa, la band è dovuta rimanere in silenzio in modo che il manager Allen Klein potesse occuparsi di concludere alcuni affari. "Quindi per alcuni mesi abbiamo dovuto fingere", ha chiarito Paul. "Era strano perché sapevamo tutti che ormai i Beatles erano finiti, ma non potevamo neanche semplicemente andarcene". Paul McCartney ha ammesso che alla fine "ho dovuto vuotare il sacco" perché "ero stufo di nasconderlo". Le accuse, la responsabilità e la colpa additata è una conseguenza che dura da decenni. “Ho dovuto conviverci perché era quello che la gente vedeva. Tutto quello che potevo fare era solo dire la verità". Paul dopo tanti anni, secondo me, avresti fatto più figura a lasciare le cose come stavano, ti rispondo come ti avrebbe risposto John Lennon..."Let it be...."...

33 visualizzazioni0 commenti