17 maggio - a marzo è stato pubblicato il libro "Rock me on the Water: 1974" di Ronald Brownstein


Gli artisti nel 1974 sono sbocciati come fiori nel Laurel Canyon di Los Angeles con lo spirito di innovazione culturale, perfettamente descritto da Ronald Brownstein nel suo nuovo libro da leggere, "Rock Me on the Water: 1974-The Year Los Angeles Transformed Movies, Music, Television, and Politics ". Combinando i mondi multimediali dello spettacolo, Brownstein, corrispondente politico e analista, discute abilmente le correnti politiche di oltreoceano, all'epoca (1974) immerse nel mare della produzione artistica negli anni '70. Ognuna di queste forme di intrattenimento è stata creata durante la scomparsa di Richard Nixon con l'ascesa di popolarità del governatore della California Jerry Brown. I 12 capitoli del libro agiscono come un calendario, descrivendo in ogni mese un momento significativo nella storia culturale americana del 1974. Nel racconto di Brownstein su Hollywood, Jack Nicholson e Warren Beatty diventano i suoi personaggi principali mentre esamina Chinatown e Shampoo . Mostra anche un netto cambiamento che stava avvenendo nell'industria cinematografica di quel momento, perché una generazione più giovane di diplomati delle scuole di cinema si stava insinuando nell'industria cinematografica dominata ancora da uomini troppo anziani. In altre parti del libro, racconta come Jane Fonda sia passata da star del cinema ad attivista contro la guerra del Vietnam gestendo un quartier generale della protesta a Los Angeles. Al centro dei racconti musicali di Brownstein ci sono Linda Ronstadt , Jackson Browne e, occasionalmente, gli Eagles . Scrive del dirigente musicale David Geffen, che ha promesso ai musicisti un "Asylum" location artistica, dove potevano concentrarsi sulle loro composizioni, mentre lui si occupava della promozione commerciale. Ciò ha portato alla costruzione e alla fondazione di Asylum Records, che ha prodotto e scritturato la maggior parte dei leggendari artisti di Laurel Canyon. Con le interviste alla Ronstadt e a Browne, il libro offre uno spaccato ed una panoramica di come fosse veramente all'epoca fare parte della comunità musicale di Laurel Canyon.

Brownstein scrive anche che una delle "più grandi notti nella storia della televisione" è stata quella in cui la CBS nel 1974 ha programmato: All in The Family , M * A * S * H ​​* , The Mary Tyler Moore Show , The Bob Newhart Show e The Carol Burnett Show . Descrive come i registi, gli autori, gli scrittori, i giornalisti e gli attori hanno affrontato argomenti scomodi come il razzismo palese del paese, la guerra del Vietnam e le idee su una nuova donna moderna.

È facile capire perché Brownstein abbia scelto di intitolare il libro come la canzone di Jackson Browne "Rock me on the Water". Perchè in questa canzone c'è rinchiuso tutto lo spirito e la collaborazione di quei ragazzi del 1974, infatti, Browne ha dato alla Ronstadt la sua benedizione per cantare e includere la canzone nel suo album. La sua band di supporto era nientemeno che Glenn Frey, Don Henley , Randy Meisner e Bernie Leadon , altrimenti noti come gli Eagles. La versione della canzone di Browne presenta le armonie di David Crosby e la parte ritmica delle percussioni sono del leggendario batterista Russ Kunkel. Proprio come Browne canta di ogni elemento naturale in "Rock Me on the Water", il nuovo libro di Brownstein mette in mostra gli elementi culturali della Los Angeles del 1974: film, musica, televisione e politica.









27 visualizzazioni0 commenti